Allargare lo sguardo...dalla parte di chi cerca lavoro

Il prossimo week end avremo tutti un’occasione per riflettere sul senso che le istituzioni europee potranno avere sulle prospettive delle nostre vite.

Com’è avvenuto in occasioni precedenti, sabato mattina alle 9,30 affronteremo insieme l’argomento ponendosi dal punto di vista di chi cerca lavoro confrontandosi sulla riflessione sviluppata nell’articolo allegato, non a caso intitolato “Allargare lo sguardo…”.

Per quale ragione se, dopo la pandemia, i dati sui tassi d’occupazione ne hanno ormai assorbito gli effetti negativi, e in alcune aree come Milano gli economisti scrivono di disoccupazione frizionale, noi che incontriamo ogni giorno persone che stanno cercando lavoro percepiamo tanto disagio?
E quale risposta si potrebbe immaginare riproponendo l’ambizione che già in precedenza ha alimentato importanti politiche europee?

Una riflessione solo accennata il cui unico scopo è stimolare il contributo di ciascuno nel cercare la propria risposta, a partire dall’approfondimento e valutazione delle tesi che vi sono esposte.

Ci interessa quindi anche il tuo contributo. Sabato 8 giugno ore 9,30 presso la sede di ReAgire in via Bezzola 6.

1 Like

Grazie, ho inviato un documento via mail dove riporto delle mie opinioni in merito all’argomento.
Sabato purtroppo non ci sarò.
A Martedi prossimo!
Sonia

Chiedo scusa per non aver pubblicato il documento su questo blog ma avevo inviato alla mail di reagire pensando che potesse essere utile il documento da leggere e condividere all’incontro di Sabato 8 Giugno.
Di seguito il mio commento:

ALLARGARE LO SGUARDO…DALLA PARTE DI CHI CERCA LAVORO

In risposta al documento consegnatomi all’incontro di Martedi 4 Giugno;

sono molto contenta di leggere che ci si domanda e si possa ipotizzare se è il caso di allargare lo sguardo nell’organizzazione sociale basata su un’economia che tenga più conto delle esigenze di vita delle persone occupabili.

Gli aspetti della regolamentazione del lavoro sono molto complessi .

Rispondo come singola persona perchè penso che una piccola goccia condivisa con il gruppo possa far parte del mare di risposte.

Il documento evidenzia due aspetti che viaggiano parallelamente:

  • Esigenze di vita delle persone occupa te/bili
  • Esigenze lavorative da parte di categorie svantaggiate.

Le politiche del lavoro dovrebbero seriamente regolamentare l’occupabilità dando priorità alla salute e ad esigenze di vita delle persone, considerando le diversità dei singoli e contemplando anche variazioni di esigenze nel tempo; in questo senso ci dovrebbe essere grande flessibilità e sostegno anche economico dove c’è bisogno.

Grandi aziende ed enti statali possono permettersi di essere flessibili senza che venga lesa la produttività, ne sono convinta.

Tutto può essere proporzionato, anche con le tasse da pagare, questo riguarda soprattutto grandi aziende che producono “surplus”.

Salari dignitosi per le categorie più svantaggiate, non si può lavorare al di sotto di una soglia perchè è schiavismo, altrimenti dovrebbero calare i costi di base per il sostentamento alla persona.

Le categorie svantaggiate dovrebbero avere la possibilità di inserimento lavorativo creando bandi ad “hoc” , specialmente per chi attualmente riceve sostegno al reddito ed ha attivato politica attiva.

Il mondo del lavoro sta cambiando, si possono inventare nuovi lavori, nuove professioni e le istituzioni possono fare questo per innalzare l’economia.

Non disdegno la digitalizzazione, smart working e tutti i mezzi che possano facilitare il lavoro e la burocrazia, ma è semplicemente un mezzo e come tutti i mezzi bisogna farne buon uso.

In riferimento al progetto Next generationEU bisognerebbe dare il più possibile la precedenza di collocamento sul territorio per coadiuvare lo smart working.
C’è anche un aspetto nuovo che non viene menzionato che è IA e che è già politicamente in atto con una legge approvata dal parlamento Europeo, personalmente sono ancora impreparata per poter commentare ed avere una idea completa su questo argomento si potrebbe cercare di affrontarlo insieme.
Cari saluti
Sonia